Due minuti trasformano il taglio cesaero in nascita cesarea - traduzione dell'articolo" Zwei Minuten machen den Kaiserschnitt zur Kaisergeburt"

03.01.2015 10:06

Due minuti trasformano il taglio cesaero in nascita cesarea

ho fatto del mio meglio per tradurre l'articolo, ma se qualcuno sa bene il tedesco si faccia avanti!
 


La felicità dei neo genitori per il primo sguardo al loro neonato durante il parto, - Questa è la foto di un parto cesareo felice secondo il ginecologo di Berlino, Wolfgang Henrich, il promotore per la trasformazione del taglio cesareo tradizionale e  per l'introduzione, presso l'ospedale Charité,  della "nascita cesarea".


La nascita cesarea ha cambiato l'esperienza della nascita
Nessuna donna impazzisce per il taglio cesareo. Nessuna neo mamma ama che le venga raccontato nei dettagli cosa accade  in sala operatoria.

A Berlino già. Qui avvengono ciò che possiamo chiamare nascite cesaree. Non è un taglio cesareo "naturale", meglio ancora, dice il professor Wolfgang Henrich, ma una pratica che rompe con la tradizione e che ha cambiato l'intera esperienza della nascita , con un piccolo dettaglio che porta un grande effetto.
 

Contatto con gli occhi e la pelle, nonostante l'intervento chirurgico
L'immagine che ha ispirato questo metodo a Henrich  è quella della felicità dei genitori alla nascita del loro bambino nei parti in sala operatoria. Nessun problema, niente sangue, una esperienza armonioso nonostante si tratti di parto cesareo, ma, come suggerito da un collega inglese, con il contatto visivo tra il bambino e la madre. L'idea per la nascita cesarea è nato. L'idea è tanto semplice quanto geniale, un asciugamano o un panno gioca un ruolo importante, non un panno magico, un panno in una sala operatoria sterile, ma che innesca un momento magico.

 

Il metodo è stato implementato presso il Charité
"Ho praticato il taglio cesareo per 23 anni, come ho imparato", dice il direttore del Dipartimento di Ostetricia presso la Charité di Berlino, il Prof. Dr. Wolfgang Henrich, "senza pensare che fosse possibile cambiare qualcosa di fondamentale per l'esperienza della nascita in questa pratica" Poi vide quella foto e lesse di come gli australiani Nick Fisk praticassero il cesareo a Londra.
Egli dà alle donne un esperienza nascita consapevole che il cesareo tradizionale impedisce.

Questa esperienza di movimento in utero e di contatto con la pelle e, subito dopo, il bambino che emerge sotto lo sguardo della madre, lentamente, dalla cavità addominale, fa la differenza. Il processo di nascita non è in realtà cambiato, solo rallentato. Due minuti di ritardo che avranno un impatto positivo per tutta la vita.
 
I cruciali due minuti in corso del travaglio
La seconda fase di taglio cesareo è la chiave. La fase uno è immutata: la parete addominale è tagliata con un bisturi, ci vogliono da due a quattro minuti, fino a quando l'utero è aperto. È un'operazione.Poi arriva il momento cruciale. Il telo chirurgico sterile che protegge lo stomaco dagli sguardi dei genitori è abbassato. L'ostetrico inizia a accompagnare fuori il bambino, gli alza la testa, la tiene la, appena fuori, più a lungo rispetto al metodo tradizionale, rivolgendo il bambino verso lo sguardo della madre, poi il bambino viene fatto completamente uscire dal corpo della madre: prima la testa, poi le spalle, poi l'intero corpo. "Testa e corpo dei bambini riempiono completamente l'addome, né madre né padre possono vedere dal loro punto di vista l'addome aperto", dice Henrich per invalidare le preoccupazioni.

 
Il lento percorso del bambino
La madre vede subito il suo bambino. Alcune donne vogliono spingere in questo momento, proprio come se stessero vivendo un parto vaginale. Lentamente, con insistenza, senza problemi, come ha descritto il processo. L'ostetrico ha il bambino in braccio. I polmoni vengono apsirati, i genitori sentono il primo grido, il padre può, se vuole, tagliare il cordone ombelicale e subito alla madre del bambino viene posto sul petto il figlio.In questo momento, il panno viene sollevato nuovamente, la chirurgia continua, ma i genitori restano estranei a questa parte "sanguinosa", alla terza fase della nascita cesarea. 
La felicità"
I genitori non hanno più interesse per la sala operatoria, la sensazione di felicità prevale, il resto dell'operazione corre meglio", Henrich ha osservato.
"Ciò che si da alle donne è l'immediateza nel contatto con il figlio." Gli effetti positivi per l'attaccamento, la relazione padre-figlio e la ripresa nel periodo post-partum sono enormi. Durante la settimana di degenza in reparto le donne parlano del proprio parto. "Noi siamo a contatto con questi eventi dieci volte al giorno, i genitori invece una o due volte nella loro vita - questo rende affascinante e importantissima la loro epserienza di parto." 
Le puerpere dopo la nascita cesareaLe madri sono psicologicamente più stabili rispetto al post di un taglio cesareo tradizionale, avendo la nuova pratica  ha un effetto positivo sul recupero fisico: raramente soffrono di nausea, la circolazione è stabile, ci sono meno infezioni, nessun trauma psicologico. "I bambini hanno un inizio molto diverso nella vita con i loro genitori."Al Charité, questo metodo ormai si è imposto, in Inghilterra è normale. "Io non sono un missionario", dice Henrich di se stesso ", ma in medicina è così, è necessario dare impulso quando un'idea è buona, allora continua.

La certezza: "Questo è il mio bambino"
La paura di molte donne, che non sia il proprio figlio quello che viene portato a loro dopo un taglio cesareo, viene eliminata. Sanno che quello è il loro figlio. In precedenza, invece, dopo il parto cesareo il bambino veniva portato via subito per poter ultimare l'operazione sulla madre. Nessun primo contatto visivo, nessun contatto pelle a pelle, questo provocava dubbio e preoccupazione.Anche i padri beneficiano di questo metodo: poiché sono presenti alla nascita cesarea, i padri sono meno deboli, Henrich spiega con un sorriso.

Anche il taglio cesareo è un'esperienza di nascita
Anche Henrich ed i suoi colleghi non sono fan del cesareo, perché è il parto naturale è il metodo migliore. Ma se si deve avere un taglio cesareo, le madri dovrebbero avere una buona esperienza di parto il più vicino possibile a quello naturale, al parto vaginale.
 
Molte nascite ad alto rischio
Al Charité, c'è spesso bisogno del taglio cesareo in realtà, più di un terzo delle nascite avvengono così: il 20 per cento delle nascite sono prematuri, numerosi parti gemellari, partoriscono e sono partoriti molti paziente ad alto rischio. Sotto la responsabilità del Dottor Henrich è anche un centro per malformazioni congenite come la spina bifida o difetti della parete addominale. "Invece, rispetto alle nascite a basso rischio, abbiamo un basso tasso di cesarei", dice Henrich, che vede molto nel suo lavoro quotidiano. Siamo il più grande luogo di nascita ospedaliera della Repubblica.Il medico cinquantunenne discute con i genitori sulla procedura da adottare. Se la situazione del bambino è complicata per esempio se si tratta di un bambino prematuro o se l'utero ha un fibroma, allora non viene praticata la nuova procedura di cesareo. Oppure si decide al momento. "È possibile prevedere abbastanza prima , ma c'è sempre una volontà. Non bisogna sottovalutare le persone." Molte donne fanno scelte mirate.

 
Promuovere il parto individualizzzato
Può anche essere che qualcuno rinunci, come la giovane coppia che non  ha considerato sicuro osservare il momento della nascita, e che, nonostante le buone condizioni in cui si stava svolgendo l'operazione, ha rifiutato di guardare.Il principio del dottor Henrichs è trovare o promuovere la medicina adeguata a quella particolare donna. Parto individualizzato significa rendere possibile per ogni donna la modalità di parto che per lei è ideale. 
In una valutazione preliminare, molti fattori giocano un ruolo, dalle malattie trasmissibili da madre a figlio, alla biografia della madre, dalla valutazione del ginecologo, alla pianificazione familiare, sino all'età materna.Il taglio cesareo va effettuato solo  se clinicamente indicato."Taglio cesareo  non è mai un'alternativa liberamente disponibile, ma una indicazione medica. Attraverso questo metodo non è stato effettuato un singolo taglio cesareo di più senza indicazione", Così il medico ha  confutato le critiche di altri medici o ostetriche che temevano la nascita cesarea potesse rafforzare la tendenza a richiedere il taglio cesareo. "E 'normale che si preferisca che il vostro bambino nasca in famiglia, ma quando si verificano complicazioni, si dispone di anestesista, chirurgo e banca del sangue pronta", dice Henrich. Lui è entusiasta della nascita cesarea, una semplice idea con positive conseguenze di vasta portata: "Non costa nulla, solo che si ripensi  ai tempi e a rompere la tradizione."

 ________________________________________________________________________________
 Nota della traduttrice, cioè io: mi scuso fin d'ora delle possibili inprecisioni nella traduzione  molto casalinga dell'articolo che trovate in originale all'indirizzo 
http://www.t-online.de/eltern/schwangerschaft/id_62676820/kaisergeburt-statt-kaiserschnitt-an-der-charite-in-berlin-.html

 

fonte articolo: http://la-doula-di-paese.blogspot.it/2013/07/due-minuti-trasformano-il-taglio.html

Indietro